Stampa Stampa
49

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – CASA DELLA SALUTE SORGERA’ SU PARCHEGGIO EX PRETURA


Il  sindaco ha illustrato in conferenza stampa la strada più veloce per realizzare la struttura

 di REDAZIONE

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – 26 LUGLIO 2016 – Passa tutto dalla vulnerabilità sismica il destino della “Casa della salute”.

 Nella conferenza stampa convocata dal sindaco Domenico Donato e dalla maggioranza in consiglio comunale per fare il punto dello stato dell’arte sulla conversione del San Biagio, è emerso quello che doveva emergere. E cioè l’ex ospedale “San Biagio” non ha superato i test di staticità. Morale della favola: la struttura non è idonea ad ospitare la il nuovo nosocomio.

 O meglio, potrebbe esserlo. Solo, però, se se fosse demolito o ristrutturato. La soluzione, invero, è di quelle che costano. Ce n’è un’altra. Ed è quella avanzata dall’Asp di Catanzaro. Un’ipotesi risolutiva tutta racchiusa nel progetto e nel finanziamento (pari a circa 8 milioni e 100mila euro). Tradotto: la Casa della Salute verrà realizzata sull’area del parcheggio della ex pretura. Sarà un edificio tutto nuovo: una palazzina di tre piani per complessivi 4mila metri quadri.

Listener (1)

 E il vecchio caro “San Biagio” che fine farà? Verrà in gran parte demolito, recuperando spazi per il verde e la sosta delle autovetture. Il sindaco ha anticipato i passaggi formali che porteranno al varo definitivo del progetto. Già nel prossimo consiglio comunale, in agenda per il primo di agosto, bisognerà deliberare una specie di dichiarazione di volontà da cui emerga la disponibilità a concedere l’area necessaria per costruire la Casa della Salute. L’atto finale verrà trasmesso all’Asp che, successivamente, concorderà con la Regione Calabria i nuovi termini della convenzione necessaria per stanziare i fondi e realizzare l’opera.

 Donato ha insistito molto sulla «bontà di questa procedura che non sospenderà i servizi attualmente operativi presso l’ospedale». Anche durante i lavori, dunque, il “San Biagio” resterà aperto all’utenza e solo dopo l’inaugurazione della nuova palazzina si procederà allo smantellamento del vecchio nosocomio.

 Nel corso dell’incontro con i giornalisti non sono mancate le critiche. Gli accenni polemici, in particolare, hanno riguardato il modus confusionario coni cui l’Asp ha sta gestendo il personale in servizio sia a Chiaravalle che a Soverato.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.