Stampa Stampa
34

CATANZARO – SEDE REGIONALE TELECOM CON “VISTA RIFIUTI”


Sequestrata area trasformata in discarica abusiva. Ennesimo intervento Guardie Ambientali d’Italia

Articolo  e foto di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

CATANZARO –  19 MAGGIO 2017 –  Ancora un sequestro di aree utilizzate  per  discariche abusive, operato dalle  Guardie Ambientali d’ItaliaD sezione di Catanzaro guidate dal Dirigente Superiore Marra Ronaldo unitamente al Dirigente Superiore Dr. Formisano Antonio ed all’ispettore Nardini Salvatore.

Si è  provveduto al sequestro di un’area adibita a discarica abusiva lungo la vecchia strada statale ss280 nei pressi della sede regionale della Telecom dove all’interno sono stati rinvenuti diversi rifiuti tra urbani speciali ed ingombranti come flaconi di plastica per detersivi, macerie da scarti di demolizione edile come piastrelle, cemento, ceramica e lastre di cartongesso spezzettate, materassi, pneumatici fuori uso e tanto altro. Informato dei fatti il sostituto procuratore di turno del tribunale di Catanzaro, si è provveduto a delimitare il sito con nastro segnaletico bianco e rosso e ad apporre i cartelli per indicare l’area sottoposta a sequestro dalla P.G.

Che non si debbano buttare rifiuti nell’ambiente è cosa abbastanza scontata non solo dal punto di vista giuridico, ma anche e soprattutto della sensibilità civica. Le multe – che scattano del semplice mozzicone di sigaretta all’automobile da rottamare; dal frigorifero ormai arrugginito ai liquidi infiammabili e inquinanti – sono graduate in base alla pericolosità del rifiuto stesso. E si va dalla semplice sanzione amministrativa al reato vero e proprio, che coinvolge la sfera penale.

Ma quali sono i rischi per chi crea una discarica abusiva o, semplicemente, viene colto all’atto di abbandonare rifiuti in mezzo a un prato, ai bordi di una strada, lungo un pendio? Lo chiarisce una sentenza della Cassazione. Divieto di abbandono di rifiuti,La legge  punisce l’abbandono di rifiuti con la sanzione amministrativa pecuniaria da 105 a 620 euro. Se l’abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.