Stampa Stampa
9

CATANZARO – SCEMPIO POTATURA ALBERI, LEGAMBIENTE: «AMMINISTRAZIONE COMUNALE ADOTTI PROVVEDIMENTI»


“Necessario dotarsi di un vero “Piano per il verde pubblico”

 di Gianni ROMANO

CATANZARO – 5 MARZO 2018 – A seguito di diverse segnalazioni pervenute da parte della cittadinanza di Catanzaro a causa di interventi di potatura ritenuti non idonei, Legambiente Calabria ha provveduto a presentare invito e diffida nei confronti dell’Amministrazione comunale di Catanzaro a prendere, nell’interesse pubblico ed anche in via di autotutela, tutti gli opportuni provvedimenti per far cessare immediatamente l’effettuazione delle potature sugli alberi di Catanzaro da parte della Ditta appaltatrice nonché, ad avviare tutti i dovuti controlli sulla manutenzione del verde pubblico cittadino e sulla effettuazione dei futuri interventi.  

Nella maggior parte dei casi, si è assistito a vere e proprie capitozzature: le potature sinora eseguite ( ad esempio in via Nuova sotto Villa Trieste, in via Milano ed in altre vie cittadine)  hanno  di fatto comportato tagli indiscriminati di rami di tutte le grandezze e la rimozione quasi totale del fogliame presente creando danni molto gravi alle piante ed esponendole ad infezioni fungine da carie del legno che, nel tempo, sono destinate a creare cavità nei rami e nei tronchi, con conseguente pericolo per la pubblica incolumità.  

Inoltre le potature eseguite risultano essere antiestetiche, deturpanti per il paesaggio urbano e limitanti l’utilizzo del verde pubblico. Si segnala anche che, in particolare in via Lombardi, piante sempreverdi appaiono completamente secche perché, con molta probabilità, sono stati utilizzati diserbanti. 

Si nega così ai cittadini anche al godimento degli innumerevoli servizi ecosistemici che ciascun albero fornisce alla collettività sotto il profilo ambientale quali, l’assorbimento di polveri, di CO2 e gas climalteranti, la riduzione degli inquinanti, il valore ornamentale e paesaggistico, il supporto per gli insetti impollinatori, il drenaggio e la stabilizzazione del suolo, la depurazione delle acque superficiali, l’incremento di valore degli immobili circostanti ed altro ancora. 

Per tali motivi, l’Associazione ambientalista ha esortato il Comune a dotarsi anche di un vero “Piano per il Verde Pubblico”, fondamentale strumento di pianificazione e gestione del patrimonio forestale cittadino che consenta di non lasciare l’esecuzione, senza nessun controllo, alle ditte appaltanti. Necessaria, dunque, l’istituzione di un tavolo tecnico con le associazioni ambientaliste e con gli ordini professionali di riferimento (Agronomi, Architetti) al fine di iniziare un percorso per la redazione del Piano. 

Nella diffida, a firma del vicepresidente di Legambiente Calabria Onlus Andrea  Dominijanni e del Presidente del Centro di azione giuridica di Legambiente Calabria Onlus Anna Parretta, si chiede anche l’accesso a tutti gli atti del procedimento. In caso di inadempimento dell’obbligo a provvedere da parte dell’Amministrazione, l’Associazione ambientalista sarà costretta ad agire presso la competente Autorità Giudiziaria, secondo la vigente normativa.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.