Stampa Stampa
15

CATANZARO – SANITA’ PUBBLICA, CONSORZIO DI BONIFICA STA CON PRESIDENTE OLIVERIO


Grazioso Manno si dice vicino al presidente della Regione

Manno: «No a chi vuole smantellare la sanità pubblica ma tutelarne ruolo e prestigio»

di Franco POLITO

CATANZARO – 25 SETTEMBRE 2015 – «Con convinzione, mi unisco al sostegno al Presidente Mario Oliverio espresso dagli oltre 270 tra sindaci e amministratori locali in difesa del potenziamento, riqualificazione e la preminenza della sanità pubblica in Calabria».

 Allinearsi non significa fare solo parte “della schiera”. Associarsi ad un’idea spesso è anche sinonimo di proposta. Così è stato per Grazioso Manno, presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese, che in modo netto ha aderito alle argomentazioni del Presidente Oliverio, sulla sanità pubblica.  

Manno non si è fermato lì, ma ha aggiunto «che  la sanità pubblica è un diritto universale riconosciuto a tutti i cittadini e pertanto non può e deve essere svenduta al mercato  ma ritornare a perseguire i suoi obiettivi di uniformità e globalità nella tutela della salute». 

 «La sanità pubblica  – prosegue – da sempre, non solo è il principale bersaglio della quadratura dei conti pubblici e quindi non si può assistere passivamente al suo smantellamento, anzi, le Istituzioni, quindi fa bene il Presidente Oliverio, ne devono tutelare il ruolo e prestigio, anche in difesa di tanti medici e paramedici che molto spesso “eroicamente”si spendono per la salute dei cittadini e per accorgersi di ciò, basta frequentare per un solo giorno un qualsiasi ospedale pubblico».

 «E’ evidente – continua Manno – che, affinché il sistema sanitario possa ritornare a perseguire i suoi obiettivi e la responsabilità di tutela della salute deve recuperare sempre di più efficienza, favorendo, questo si,  l’integrazione con il sistema sanitario privato del quale se ne riconosce la validità e spesso l’opera di supplenza, quindi è necessario riallocare (e non tagliare) le risorse».

 «Il coraggio del presidente della Giunta regionale noi lo apprezziamo poiché – conclude – rafforza il ruolo della Regione anche perché è il momento giusto di unirsi per rivendicare un’attenzione maggiore alla sanità, che è un diritto fondamentale,  e dare così fiducia ai malati, alle comunità ed alle fasce di popolazione più debole che devono vedersi garantiti, dall’Istituzione Pubblica, l’erogazione dei servizi di assistenza».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.