Stampa Stampa
25

CATANZARO, MSI FT: «FINITA LUNA DI MIELE TRA ABRAMO E I CITTADINI»


Riceviamo e pubblichiamo:

CATANZARO– 25 MAGGIO 2018 –  «Pare ormai definitivamente terminata la “luna di miele” tra il sindaco Abramo, la sua amministrazione ed i catanzaresi.

Una liason che era iniziata circa un anno fa quando, in pieno periodo preelettorale, il Sindaco lasciò la sua “fortezza” a Palazzo e scese per strada dando l’idea che finalmente aveva capito il valore dell’ascolto dei cittadini per un amministratore.  Tante parole, tanti progetti, tante promesse.

Un trionfo derivato anche dall’harakiri fatto dalla coalizione avversa, che ha anche rischiato di farsi superare sul proprio versante dal candidato “scaricato”, ed un inizio di consiliatura anche abbastanza positivo. Ma da qualche settimana la polvere, prima nascosta sotto il tappeto, è tornata a spandersi sul pavimento.

          Non è nostra invenzione il fatto che, tra polemiche e minacce di rescissione di un corposo contratto che il sindaco si vantava di avere scritto personalmente e con dovizia di clausole a garanzia, la situazione relativa alla raccolta dei rifiuti è lentamente degradata ed adesso le nostre strade ed i nostri siti sono tornati ad una situazione di degrado simile a quella che si rilevava fino al 2016.

Ed adesso si pensa ad uno “sceriffo” che, lautamente pagato con fondi pubblici (leggi: con le tasse pagate dai cittadini), dovrà supplire a compiti cui sono istituzionalmente demandati, evidentemente senza risultato, assessori e dirigenti comunali, cui si dovrebbe quantomeno chiedere conto di tali fallimenti.

          Non è nostra invenzione il fatto che l’Amministrazione, in barba alle promesse sindacali di essere sempre più vicini ed al fianco dei Cittadini, ha deciso di recidere, seppur gradualmente ma non tanto, ogni contatto con i quartieri periferici avviando un piano di chiusura degli Uffici Circoscrizionali, almeno quei pochi ancora attivi, aggravando notevolmente le già enormi difficoltà che vivono quotidianamente i cittadini delle fasce deboli (anziani, ammalati, non automuniti, giovani).

          Non è nostra invenzione che nell’ambito dei consiglieri si è rinnovato il rito delle assunzioni post-elezione, con relativa richiesta di rimborso dello stipendio da parte dell’Amministrazione (e quindi sempre coi nostri soldi); che la sicurezza in Città è sempre più a rischio; che parte dei cittadini (gli abitanti della zona Sud) non godono degli stessi diritti di altri; che alcune partecipate (leggi AMC) “godono” di una governance assolutamente schizofrenica, dove episodi di favoritismo (al limite del clientelare)  e di vessazione si susseguono determinando, comunque, non lievi danni economici ai conti aziendali, quindi pubblici.  

          La segreteria cittadina del MSI-Fiamma Tricolore, atteso tutto quanto sopra, chiede al Sindaco di voler attenzionare le suddette situazioni ed in particolare quella relativa alla chiusura degli uffici circoscrizionali, servizio essenziale per la cittadinanza che non può essere assolutamente trascurato con la scusa di non poter recepire UNA unità da un organico, come è quello comunale, che certamente presenta sfridi e sovrapposizioni organiche.  

La Segreteria Cittadina del Movimento Sociale Italiano-Fiamma Tricolore 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.