Stampa Stampa
49

CATANZARO – IL CONSORZIO DI BONIFICA ALL’EXPO 2015


La sede del consorzio Ionio Catanzarese

“Il  cibo e’  irriguo”. Una due giorni  dell’Anbi. L’ente, anche su delega del presidente Grazioso Manno, era rappresentato dal direttore Francesco Mantella ed dal capo del settore Agrario – Ambientale e Forestale, Antonio Rotella

di Franco POLITO

CATANZARO – 31 LUGLIO 2015 –  Missione lombarda per la “bonifica nostrana”. Una missione che attualizza sempre più il ruolo del consorzio di bonifica Ionio Catanzarese. Essere buoni e bravi “bonificatori”, oggi, significa (pure) sapere conformare il proprio passato alle mutevoli esigenze dei consorziati e dell’agricoltura.  

Se così è, allora, il consorzio di bonifica Ionio Catanzarese è stato presente a Milano, insieme ai dirigenti di tutti i consorzi di bonifica d’Italia, alla due giorni di confronti “Il cibo è irriguo” organizzata dall’Anbi ( Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela  Territorio ed Acque Irrigue ) in occasione dell’Expo 2015.  

A rappresentare l’ente, anche su delega del presidente Grazioso Manno, il direttore Francesco Mantella ed il capo del settore Agrario – Ambientale e Forestale, Antonio Rotella. Una due giorni partecipatissima e curata nei minimi particolari sotto l’eccellente ed ineccepibile regia del Direttore Generale dell’Anbi, Massimo Gargano, affiancato da tutti i suoi collaboratori e collaboratrici.         

Nella prima giornata si è tenuta a Baveno l’assemblea straordinaria dei soci, che ha deliberato alcune importanti e strategiche  modifiche allo Statuto dell’Anbi. Successivamente si è tenuta la prima sessione di lavori sul tema “I Consorzi protagonisti di cANBIamento. La Pac 2014 – 2020 un’opportunità da cogliere”. La seconda giornata è stata dedicata al tema “ANBIzioni di un territorio protagonista” ; infine la sessione conclusiva, dal tema “ANBIenti d’acqua: la scelta per un futuro sostenibile”.         

Entrambi gli incontri si sono tenuti presso l’Auditorium di Palazzo Italia ad  Expo  Milano. Moltissimi e qualificati sono stati gli interventi, a cominciare dal Presidente dell’Anbi, Francesco Vincenzi, che ha chiesto l’immediata costituzione di un tavolo nazionale per il monitoraggio della situazione idrica del Paese. “Siccità: siamo alla vigilia dello stato di calamità naturale per l’Agricoltura” – afferma l’Anbi.         

Nel dibattito sono intervenuti, tra gli altri, il Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Cesare Mirabelli, il Presidente dell’Urbi  Lombardia, Alessandro Folli, il Presidente Nazionale Coldiretti, Roberto Moncalvo, l’Europarlamentare Paolo De Castro, il Presidente Nazionale Cia, Roberto Scanavino.       Pur con accenti diversi, tutti hanno sottolineato il ruolo dei Consorzi di Bonifica.   Di particolare interesse l’intervento del nuovo Capo dell’Unità di Missione #italiasicura, Mauro Grassi, che ha ricordato il certosino lavoro per reperire le necessarie risorse a favore di interventi diffusi sul territorio. “Lavorare bene, lavorare insieme, lavorare da subito” è stato invece l’appello lanciato dal Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti  nell’intervento conclusivo, in cui ha anche annunciato la prossima firma di un Accordo di Programma, che garantirà 1 miliardo e 200 milioni per interventi di salvaguardia idrogeologica.         

Grazioso Manno, presidente del consorzio di bonifica Ionio Catanzarese e già Presidente dell’Urbi Calabria per molti anni, ha commentato positivamente il nuovo corso dell’Anbi. “Sotto la guida del giovane ed attivissimo presidente Vincenzi e l’indiscutibile professionalità e managerialità del direttore generale Massimo Gargano – ha detto Manno – i consorzi di bonifica stanno affrontando le sfide che ci attendono, soprattutto in riferimento alla problematica del dissesto idrogeologico e dell’irrigazione, con spirito nuovo, diverso e più rispondente all’odierna realtà”.

 

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.