Stampa Stampa
42

CATANZARO – FRANCO CARDINI SPIEGA IL “SUO” ISLAM


Nell’ambito degli incontri letterari promossi dalla Ubik

Articolo e foto di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

CATANZARO – 3 LUGLIO 2016 –  Nell’ambito di incontri letterari con l’autore, domani, lunedì 4 luglio, alla libreria Ubik, con inizio alle ore 18 e 30 sarà presente Franco Cardini per parlare del suo libro edito da La Terza editore, “L’Islam è una minaccia Falso”, introduce e modera Domenico Bilotti (Diritto e Religioni) interviene Paola Chiarella (Storia delle dottrine politiche).

C’è chi pensa che il Califfato sia alle porte e su Roma sventolerà la bandiera nera degli integralisti. Da anni la nostra paura e i nostri sensi di colpa trovano nell’Islam la loro causa prima. Ma davvero siamo condannati, Musulmani e Occidentali, tutti e senza distinzioni, a combatterci senza mai comprenderci? Il terrorismo musulmano, gli episodi di persecuzione anticristiana e i ‘migranti’ in Europa sono i tre elementi che in Occidente hanno scatenato una diffusa islamofobia fomentata da politici tanto cinici quanto impreparati e da media alla ricerca di notizie forti. L’Islam è una minaccia, dicono o pensano oggi in molti. Ma è verosimile che un miliardo e mezzo di persone voglia assoggettare cinque miliardi e mezzo di altri esseri umani? E se anche ne avessero l’intenzione – finora sbandierata solo da qualche migliaio di militanti dell’ISIS o dai loro leaders – di quali mezzi potrebbero disporre? È vero che i migranti nel nostro continente trasformeranno in poco tempo l’Europa in Eurabia?

Franco Cardini esplora il mondo musulmano con occhio sgombro da pregiudizi: una realtà complessa, polimorfa e contraddittoria che appare oggi sospesa tra jihad e Coca-Cola, tra Corano e business, tra richiami alla potenza califfale e suggestioni informatico-telematiche, tra niqab e Gucci. Dati e cifre parlano chiaro: i teen agers musulmani sognano l’Occidente, i suoi beni, l’‘American way of life’, e anche molti militanti jihadisti partecipano in realtà dello stesso mondo immaginario ispirato al consumismo. Intanto, in Occidente, la paura dell’Islam si è rivelata il nuovo Oppio dei Popoli, adoperata troppo spesso per distogliere l’opinione pubblica dai problemi di un mondo nel quale è la finanza brutale del turbocapitalismo a dominare, creando ingiustizia e miseria.«Il fondamentalismo, per quanto talora così si presenti, non è per nulla un movimento religioso o politico-religioso animato dalla volontà di un ‘ritorno alle origini’; non ha niente del movimento tradizionalista.

Al contrario, è semmai ‘modernista’ e ‘occidentalista’: il suo nucleo forte è costituito dalla volontà di appropriarsi degli elementi di potenza propri dell’Occidente conseguendoli però attraverso il linguaggio e i valori musulmani (non ‘occidentalizzare/modernizzare l’Islam’, bensì ‘islamizzare l’Occidente/Modernità’). Esso non è affatto neppure una forma di ‘politicizzazione della religione’; al contrario, è semmai una forma di ‘religionizzazione della politica’.

I jihadisti nominano di continuo il Nome di Allah, ma pregano poco e trascurano allegramente le cinque preghiere canoniche quotidiane; difficile coglierli con la macchina fotografica o la telecamera mentre hanno in mano un Corano o una subha, mentre è consueto che armeggino con telefonini e computer. La loro ispirazione si presenta come arcaica, ma i loro atteggiamenti sono in realtà postmoderni. Non somigliano affatto agli ansar del Profeta, ma piuttosto ai guerrilleros del ‘Che’ Guevara o ai politische Soldaten descritti da von Salomon e definiti da Carl Schmitt.»

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.