Stampa Stampa
11

CATANZARO – COISP RICORDA POLIZIOTTI VITTIME FOIBE


Oggi è il “Giorno del Ricordo” trucidati dai “Titini”

di REDAZIONE 

CATANZARO – 10 FEBBRAIO 2017 –  “Oggi 10 febbraio, nel “Giorno del ricordo” delle circa 20.000 vittime delle foibe e del drammatico esilio di 350.000 esuli italiani da Fiume, dall’Istria e dalla Dalmazia, vogliamo ricordare il sacrificio di tanti poliziotti appartenenti all’ex Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza”.

E’ quanto dichiara Giuseppe Brugnano, segretario generale regionale calabrese e responsabile dell’ufficio relazioni esterne del coisp, il sindacato indipendente di Polizia, nella ricorrenza del 10 febbraio, giornata istituzionale per ricordare le vittime delle foibe.

“In particolare – dice Giuseppe Brugnano – non vanno dimenticati gli 89 poliziotti della Questura di Fiume che dopo il 3 maggio 1945 – data della violenta occupazione della citta’ da parte delle milizie jugoslave di Tito – furono infoibati nei dintorni di quella citta’, pur in assenza di qualsivoglia carico di accusa nei loro confronti. A tal proposito, infatti, e’ opportuno evidenziare che la Questura di Fiume non partecipo’ ad alcuna azione di rappresaglia nei confronti di civili slavi ne’ di partigiani; ciononostante, come la storia ha ben chiarito, gli appartenenti alla Questura di Fiume furono uccisi con un unico capo di imputazione ed un’unica colpa: essere italiani!

Fra l’altro, – continua Brugnano – tutto questo accadde alla Questura famosa per essere stata guidata dall’eroico Commissario Giovanni Palatucci, il quale salvo’ moltissimi ebrei, perseguitati specialmente all’indomani dell’arrivo nazista a Fiume dopo l’otto settembre del 1943. Sono tutti dati reperibili nel libro “Le vittime di nazionalita’ italiana a Fiume e dintorni dal 1939 al 1947″ a cura della Societa’ di Studi Fiumani e dell’Istituto Croato per la Storia di Zagabria”.

“Identica tragedia – ricorda Brugnano colpi’ gli appartenenti della Questura di Gorizia, dove vennero prelevati non meno di 90 poliziotti, poi deportati in Slovenia dove le loro storie, le loro identita’, le loro vite incontrarono un atroce destino. Dall’Albo d’Oro di Luigi Papo riusciamo, inoltre, a sapere che anche la Questura di Trieste diede il suo tristissimo contributo alla prepotenza dell’invasione titina: qui si contano oltre 150 poliziotti deportati e infoibati.

Quella delle foibe – continua il segretario calabrese del sindacato indipendente di Polizia – e’ una delle piu’ brutte tragedie della storia europea, dove il disegno criminale di un dittatore e’ andato di pari passo con l’opportunistica complicita’ di molti Paesi europei e degli Stati Uniti, nonche’ col vergognoso e incomprensibile silenzio che per decenni ne e’ seguito. Un orrore dell’umanita’ cancellato per troppo tempo persino dai libri di storia, quasi come se non parlarne e non divulgarne atti e fatti potesse cancellare, oltre alle colpe politiche, anche la tragedia degli infoibati e dell’esodo di nostri connazionali costretti a rifarsi una vita dopo che il confine orientale fu innaturalmente violentato e modificato, con la perdita di una delle piu’ belle regioni d’Italia: l’Istria.

Come sindacato di Polizia – conclude Brugnano – riteniamo necessario risaltare il sacrificio dei nostri caduti. A loro rivolgiamo il nostro profondo pensiero, e se anche siamo materialmente distanti dai luoghi di quella orribile carneficina sentiamo di essere vicini con i nostri sentimenti di profondo rispetto presso il cippo della Foiba di Basovizza, realizzato dallo scultore nonche’ Agente di Polizia Angelo Simonetti. Per non dimenticare onoriamo, come ogni anno, il 10 febbraio”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.