Stampa Stampa
8

CAOS PUGLIESE, OPI: «LA POLITICA SI SVEGLI»


“C’è la capacità di interessarsi e agire per risolvere i problemi che affliggono la sanità nella città capoluogo di regione?”

 di REDAZIONE

 CATANZARO –  6 SETTEMBRE 2018 –  “Gli annunci non salvano la sanità catanzarese.

 Serve una presa di posizione forte e una precisa assunzione di responsabilità da parte di tutti i politici eletti, a cominciare dalle ben note situazioni di crisi che coinvolgono l’ospedale Pugliese”.

 A scriverlo, in un nota, è il direttivo provinciale dell’Opi (Ordine delle professioni infermieristiche), anche alla luce della recente aggressione che si è consumata nelle sale del nosocomio in danno di un operatore sociosanitario, di un soccorritore del 118 e di una guardia giurata.

 Episodio nato a causa dell’ormai cronico sovraffollamento del Pronto Soccorso.

 “Con l’attivazione del nuovo servizio delle Osservazioni brevi intensive – prosegue il comunicato – si è creata una condizione di estremo disagio per gli operatori dell’emergenza-urgenza in servizio, medici e infermieri, già a corto di personale durante il periodo estivo. Un servizio che va a gravare tutto sulla struttura del Pronto soccorso, già oberata di lavoro e senza una adeguata dotazione organica.

 Di fronte a queste scelte calate dall’alto, ci si chiede qual sia il ruolo della politica catanzarese, a tutti i livelli, dal Comune fino al Parlamento?

 C’è la consapevolezza del disagio che si sta vivendo in questo ospedale e che, inevitabilmente, si riflette anche sui flussi dei pazienti? 

C’è la capacità di interessarsi e agire per risolvere i problemi che affliggono la sanità nella città capoluogo di regione?”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.