Stampa Stampa
6

BUON COMPLEANNO CATANZARO, RICONOSCIUTO IL GRANDE VALORE DEI POETI CATANZARESI


Proseguono le iniziative dell’associazione “Catanzaro è la mia Città”

di REDAZIONE 

CATANZARO –  15 NOVEMBRE 2021 –  L’ampio cartellone di eventi, programmati dall’Associazione Catanzaro è la mia città per augurare Buon Compleanno alla nostra amata città, continua ad offrirci inaspettate e piacevoli sorprese.

E’ il caso del convegno che si è tenuto il 12 novembre per affrontare un argomento che poteva sembrare ostico e barboso ma che, alla fine, si è dimostrato accattivante e coinvolgente.

Con l’attenta moderazione di Mario Mauro, esponente dell’Associazione Catanzaro è la mia città, si è, infatti, discusso di “Poesia catanzarese dal medioevo ai giorni nostri con autori conosciuti e non” utilizzando una sapiente alternanza tra la ricostruzione storica di eventi e personaggi e la declamazione, ma anche la briosa interpretazione, di componimenti poetici.

La serata si è, così, trasformata in una gradevole occasione di incontro tra il relatore, lo storico Aldo Ventrici, i poeti e gli artisti Elisa Giovene di Girasole, Mario Pitardi, Pino Tafuri, Enzo Colacino ed Anna Lidia Rao, con il pubblico, che è rimasto affascinato e interessato dalla presentazione di rimatori catanzaresi appartenuti a un remoto passato, per giungere fino a quelli che, nel presente, popolano con ispirata e incomparabile bravura il particolarissimo genere letterario della poesia.

Il viaggio è iniziato prendendo le mosse dai versi di una lirica “D’amor distretto vivo doloroso” composta da un poeta catanzarese pre-stilnovista, Folco di Calabria, valente rimatore della Scuola Poetica Siciliana fiorita, nei primi decenni del XIII secolo, alla corte di Palermo attorno alla carismatica figura di Federico II Hohenstaufen di Svevia. Federico, lo Stupor Mundi, fu un instancabile innovatore culturale e propiziatore dell’utilizzo letterario di una lingua romanza nella poesia, ossia di una lingua derivata dal latino volgare, quale era quello che si parlava a quel tempo in Sicilia e in Calabria.   

Le successive tappe hanno messo in luce figure di letterati che si cimentavano nell’arte poetica in lingua, dai cinque-secenteschi Annibale Mannarino e Girolamo Pinnello, che ci hanno lasciato opere a tema politico-encomiastico con intenti celebrativi, al settecentesco frate cappuccino Vincenzo Maria Merante da Catanzaro, prolifico autore di Orazioni Panegiriche lette anche nelle chiese di Catanzaro, alla straordinaria Giovanna De Nobili, vissuta tra il XVIII e il XIX secolo, a Domenico Milelli, protagonista della corrente letteraria scapigliata del XIX secolo.

Ci si è poi addentrati nel mondo della poesia vernacolare e, con l’intento di riunire in un unico abbraccio i tantissimi poeti catanzaresi, sono state presentate poesie di Giovanni Sinatora, estimatore dichiarato d’o morzeddhu catanzarisa; di Ferruccio Fregola, ‘u parretteri re della satira popolare; di Ada Corea Caroleo, commovente nonna trepidante d’amore per la sua nipotina; di Umberto Nisticò, infuocato declamatore delle proprietà d’o pipareddhu; di Achille Curcio, ironico nel suo capolavoro di poesia sociale ’A scola è na virgogna; di Mario Martino, poeta dell’anima catanzarese che in questi giorni sta attraversando un periodo non bello della sua esistenza.

Ed è proprio con l’auspicio di rivederlo presto tra noi che ci piace concludere con l’ultima strofa della sua ultima poesia dedicata alla nostra Catanzaro: Catanzaru, Catanzaru / de’ tesori sì ‘u cchijù caru, / ‘pigghj cchjù ‘e na malatìa’… / Catanzaru… VITA MIA!

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.