Stampa Stampa
23

BIMBA MORTA AL “PUGLIESE”, INDAGATI I GENITORI


Sono accusati di omicidio preterintenzionale ma si professano innocenti. Ieri eseguita autopsia su corpicino con evidenti segni di violenza

di REDAZIONE 

CATANZARO – 7 NOVEMBRE 2018 –  La Procura della Repubblica di Catanzaro ha aperto un fascicolo d’indagine a carico dei due coniugi Giuseppina Zaffino e Domenico Ciancio, genitori della piccola Francesca, neonata di due mesi, il cui calvario è iniziato venerdì scorso, portata in gravi condizioni all’Ospedale di Vibo Valentia e poi trasferita, a causa delle complicanze respiratorie, al Pugliese di Catanzaro dove è deceduta.

Ieri è stata effettuata l’autopsia sul corpicino della piccola, i cui risultati dovrebbero essere prodotti entro 60 giorni. Intanto la Procura di Catanzaro ha emesso due avvisi di garanzia per i genitori della bimba.

Le indagini, affidate alla Squadra Mobile di Catanzaro, proseguono verso l’omicidio preterintezionale, ma i genitori si professano innocenti e il loro avvocato Piero Chiodo interpellato da Gazzetta del Sud ribadisce: “I miei assistiti sono completamente estranei ai fatti che gli vengono contestati, sono distrutti dal dolore soprattutto la giovane mamma”.

Sempre secondo quanto riferisce il legale della coppia, che respinge ogni responsabilità, un primo esame esterno della salma avrebbe escluso segni di percosse.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.