Stampa Stampa
18

BADOLATO, TRA CULTURA E GUSTO CON LIDIA BASTIANICH


Anche nel borgo ionico il tour enogastronomico della famosa chef

di REDAZIONE

BADOLATO (CZ) –  15 GIUGNO 2018 –  Ha fatto tappa anche a Badolato borgo, Sabato 09 Giugno 2018, il tour-educational di Lidia Bastianich in Calabria.

Un viaggio eno-gastronomico e culturale tra genuinità e gusto. Dopo la partecipazione al 1° Meeting internazionale sulla Dieta Mediterranea – promosso dalla presidenza della Regione Calabria, in collaborazione con il Comune di Nicotera, l’Accademia Internazionale della Dieta Mediterranea Italiana di riferimento, l’Unione regionale Cuochi – la testimonial della cucina italiana nel mondo, di origini friulane e naturalizzata americana, autrice e conduttrice di programmi televisivi di grande successo, ha fatto ieri tappa a Bova, Bivongi ed infine a Badolato borgo.

La Bastianich, madrina d’eccezione della Dieta Mediterranea, e testimonial dell’enogastronomia calabrese negli USA, è stata nominata nel 1999 “Best Chef in New York” dalla prestigiosa James Beard Foundation testimonial e nel 2002 “The First Lady of italian cuisine and restaurants in the United States” dal senatore americano George Onorato. Lidia Bastianich ha, altresì, partecipato ai lavori dell’importante incontro che ha unito più livelli di approfondimento intorno alla Dieta Mediterranea. “La cucina regionale – ha dichiarato la Bastianich – è la realtà italiana, non puoi dire ‘la cucina italiana in totalità’.

Ci sono venti regioni ed ognuna ha le sue bontà, i suoi prodotti, il suo stile di cucinare, la cultura nel crescere le cose; la topografia cambia e dunque cambiano i gusti” afferma la chef vincitrice di un Emmy per i suoi programmi tv, blogger e seguitissima youtuber, che si sofferma sulla Calabria, regione che, dice, “è un mercato che ho scoperto di recente, ma nemmeno troppo, perché sono stata qui 17 anni fa a fare ricerche”.

“Sono andata in America – ha continuato la chef stellata internazionale – quando avevo 12 anni, dunque sono tornata qui alla ricerca. Mi sono innamorata, perché questa regione è molto genuina. E’ genuina la sua gente, lo sono il territorio, le spiagge, i prodotti ed il cibo. E’ questo un messaggio che va portato: la genuinità e il gusto, che possono aprire ad un turismo reale e vero” sottolinea con convinzione l’autrice di best seller come ‘Lidia’s Italian-American Kitchen’ o “Lidia Italy” e ‘Lidia’s Family Table’ che prosegue parlando di un  rapporto consolidato per il tramite della Regione e del suo presidente, Oliverio”.

La tappa a Badolato è stata realizzata presso un’antica cantina (catojo) dove oggi trova spazio un progetto internazionale “import-export de chef” di Cucina A-Tipica con il Ristorante “Catojo dello Spinetto”. La serata badolatese è stata caratterizzata dalla presenza e partecipazione della Congrega del Morzello, con la degustazione del piatto tipico catanzarese “u morzedhu”, e della Federazione Italiana Cuochi con la degustazione di una pasta fresca con stocco, alici, pomodorini e broccoli. La serata conviviale, autentica ed esperienziale sia per la Bastianich che pe il resto degli ospiti, è stata animata da un gruppo di musica folk tradizionale e da momenti di interscambio culturale vista la presenza di numerosi ospiti e turisti stranieri, in vacanza a Badolato.

Sempre di più, il piccolo borgo del basso ionio catanzarese, sta riscoprendosi meta turistica internazionale con un crescente e qualificato incremento in termini di presenze durante tutto l’anno grazie ad un’offerta turistica-culturale ed enogastromica integrata e diversificata messa in piedi dalla rete turistica territoriale dal Polo di Badolato dell’AOPT “Riviera e Borghi degli Angeli”. Badolato borgo – antico centro medievale del 108 e luogo mediterraneo dal fascino unico – sta puntando da anni alla sua rivitalizzazione con un progetto turistico-culturale di ampia prospettiva.

Negli anni ’80 “Paese in Vendita”, negli anni 90’ “Paese Soldiale e dall’Accoglienza”, oggi il “Borgo degli Angeli” è riconosciuto come borgo degli artisti e degli stranieri. Il centro storico jonico ha rischiato di divenire un “ghost village” ma oggi rivive grazie ai tanti stranieri e turisti che hanno deciso di comprare casa per le proprie vacanze o per trascorrere il resto della loro vita, costruendo una nuova comunità composta da un “International Melting Pot”: cittadini storici autoctoni, migranti e rifugiati politici (ospiti dello progetto SPRAR comenuale), stranieri di tutto il mondo e turisti nazionali ed internazionali. Ecco perché- hanno dichiarato i referenti della Regione Calabria presenti Sabato a Badolato – la visita di Lidia Bastianich nel borgo fa parte della strategia del governatore Oliverio per il rilancio dei borghi calabresi.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.