Stampa Stampa
62

AMARONI, OLIO SEQUESTRATO AD AZIENDA: LA REPLICA DEL TITOLARE


Riceviamo e pubblichiamo:

AMARONI (CZ) –  10 OTTOBRE 2018 –  «Ieri mattina sono pervenuti nell’azienda i carabinieri per effettuare un controllo sulla giacenza di olio presente nel nostro magazzino, io non voglio contestare il fatto che vengano fatti i controlli   anzi sono del tutto d’accordo, ma gli accertamenti vanno fatti ma fatti bene e soprattutto da persone qualificate.

Infatti non era necessaria la presenza di 20 carabinieri arrivati con 5 macchine, ossia persone pagate dallo Stato che potevano essere usati per altre attività e non a stare nella mia azienda senza far nulla per una giornata. Bastavano 2 persone qualificate ad effettuare un controllo sulle quantità in giacenza, visto che l’olio ed i contenitori non sarebbero di certo scappati.

Sul controllo effettuato è stato trovato realmente un quantitativo pari a 50 ql. di olio in più, ovvero olio proveniente dalla molitura delle olive della mia azienda non ancora caricate al Sian (registro telematico di carico e scarico dell’olio), anche perché ci tengo a precisare che per legge ci sono 6 giorni di tempo per registrare su tale registro l’olio prodotto.

Si è creata una polemica assurda su un semplice controllo, che fatto da personale competente avrebbe accertato che non esiste nessun reato o truffa ma soltanto una produzione di olio della nostra azienda fatta nei giorni scorsi non ancora caricata sul registro telematico.

Pertanto ci vede costretti ad una replica per chiarire i fatti con conseguente ricorso per sbloccare il prodotto, annullare la multa ed richiedere eventuali danni di immagine».

 Paolo Bova

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.