Stampa Stampa
90

AMARONI E LUKOVICA, UN FUTURO “DA GEMELLI”


Riceviamo e pubblichiamo:

AMARONI (CZ) –  23 OTTOBRE 2018 – Sabato scorso, nella sala consiliare comunale si è svolto un momento di confronto informativo di particolare interesse: il viaggio studi a Lukovica dello scorso settembre, raccontato dai protagonisti: gli studenti della Scuola Secondaria di 1^ grado “Falcone e Borsellino” di Amaroni.

Organizzato dal Comune di Amaroni e dal Comitato per il gemellaggio “Amaroni per Lukovica”, l’incontro è stato occasione per tirare le somme di un’esperienza molto formativa, realizzata grazie al finanziamento del progetto presentato dalla municipalità slovena, in partenariato con la Cittadina del miele, all’interno del bando UE “ Europa Dei Cittadini 2014-2020”, misura “ Gemellaggio di Città”, sezione 2 – Impegno Democratico e Partecipazione Civile – con la presentazione dell’E-Form “Il Futuro dei Giovani in Europa” (acronimo EUYouth), il primo progetto di gemellaggio tra Città proposto e finanziato nella Regione Calabria.

Ad aprire i lavori, il sindaco Luigi Ruggiero, capo delegazione insieme al presidente del comitato Anna Giampa’, che ha raccontato la sua esperienza da primo cittadino ponendo l’accento sull’importanza dello scambio culturale, non solo sul piano didattico ma anche come occasione per rafforzare il progetto di gemellaggio europeo intrapreso circa 2 anni fa con la sottoscrizione del Patto di Amicizia.

Anna Giampà nel suo intervento ha ripercorso le fasi organizzative del viaggio, riportando l’enorme soddisfazione per gli importanti risultati raggiunti.

Voce anche ai genitori degli studenti coinvolti, molti dei quali parte della delegazione in viaggio; hanno raccontato la loro esperienza da adulti, che li arricchisce sul piano delle relazioni interpersonali.

Ma il viaggio è stato anche un momento di confronto tra esperienze imprenditoriali, gettando le basi per future collaborazioni tra apicoltori. Sì, perché Amaroni e Lukovica hanno in comune anche una produzione d’eccellenza: il miele; l’aspetto della cooperazione tra diverse realtà produttive dell’agroalimentare è stato ben riportato dall’intervento di Carlo Bova, genitore e referente dell’azienda apistica Mancini Daniela Uninominale.

Il momento centrale della serata, quello che ha dato sostanza all’incontro, è stato il racconto degli studenti, al loro primo viaggio studio oltre frontiera insieme ai compagni di classe.

Ognuno ha raccontato le bellezze paesaggistiche di un territorio orgoglioso che ha saputo ricostruirsi sulle rovine di una recente guerra civile, la fierezza di un Popolo, mettendo in evidenza gli elementi di contatto e le differenze, a partire dalla didattica e dai programmi scolastici, sottolineando l’efficienza delle istituzioni scolastiche.

Hanno avuto modo di visitare la scuola Janko Kersnik Brdo, che ospita 600 alunni in un percorso che parte dalla scuola dell’infanzia e li conduce sino al diploma, riconoscendolo come Istituto all’avanguardia. Tutti hanno dato risalto alla visita  della Casa dell’ Unione Europea a Lubiana.

Ed è stato il loro grande entusiasmo, ancora vivo a distanza di un mese, a rendere particolare la manifestazione, ad arricchire ancora di più il contenuto di questo processo d’integrazione e cooperazione che nel giro di due anni, grazie allo sforzo delle due municipalità e dei rispettivi Comitati, ha prodotto importanti risultati. 

A fine serata la consegna di un attestato di partecipazione; un riconoscimento istituzionale che conclude una fase e fa da preludio ad altri futuri e importanti momenti di collaborazione tra Amaroni e Lukovica. 

Amministrazione Comunale di Amaroni 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.