Stampa Stampa
542

AMARONI (CZ) – Arturo Bova, da avvocato di tutti a “Difensore ideale dei bambini”


Bova, ultimo a destra, mentre riceve il titolo

Bova, ultimo a destra, mentre riceve il titolo

Il riconoscimento gli è stato attribuito ieri al termine  dell’iniziativa celebrata in prefettura nell’ambito delle attività avviate in occasione del 40° anniversario della fondazione dell’Unicef

 

di Franco Polito

 AMARONI (CZ) – 31 OTTOBRE 2014 – “La cittadina del miele”, dolce non solo per il raffinato nettare che si produce. Dolce anche per la sua indole accogliente. Dolce anche per la sua vicinanza al mondo dell’infanzia suffragata dal riconoscimento di “Paese amico dell’Unicef”. Uno “status” che da ieri si rafforza con un ulteriore “sigillo”. Il primo cittadino Arturo Bova, infatti, è stato insignito del titolo di “Sindaco difensore ideale dei bambini”.

 Bova, l’avvocato di tutti per professione, adesso diventa “l’avvocato particolare” degli infanti. Il riconoscimento gli è stato attribuito al termine della giornata di riflessione sul tema “Per una città amica dei bambini e degli adolescenti: ruolo e responsabilità dell’Ente locale”, andata in scena nella mattinata di ieri nella sala del Tricolore della Prefettura di Catanzaro. Lo stesso titolo conferito a Bova è  stato pure attribuito al sindaco di Taverna, nel catanzarese, Eugenio Canino.

L’iniziativa è stata promossa dal prefetto di Catanzaro, Raffaele Cannizzaro di intesa con il presidente provinciale Unicef, Annamaria Fonti Jembo e con il presidente Anci Calabria, Giuseppe Vallone nell’ambito delle attività avviate in occasione del 40° anniversario della fondazione dell’Unicef.

Il convegno è stato preceduto dal saluto del prefetto ed ha visto come relatori il Alberto Scerbo, docente all’Università Magna Graecia di Catanzaro, Luciana Saccone , Direttore generale del Dipartimento Politiche per la Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Silvana Riccio, prefetto, dell’Autorità di Gestione per il Programma Nazionale Servizi di Cura all’Infanzia del Ministero dell’Interno e Vincenzo Caserta, direttore generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato della Regione Calabria. Ha portato il suo contributo, tra gli altri, anche Giacomo Guerrera, presidente del Comitato Italiano Nazionale Unicef.

 L’occasione ha offerto un momento di riflessione su temi di estrema attualità e di grande interesse per coloro che ricoprono un ruolo primario per garantire i servizi integrati per l’infanzia e, nel contempo, attuare una corretta politica verso i minori sulla base dei diritti sanciti dalla Convenzione Internazionale del 20 novembre 1989, ratificata con la legge numero 176 del 27 maggio 1991.

Per Bova e per Amaroni l’attestato non è piovuto dal cielo per mera grazia ricevuta. E’ da qualche anno, infatti, che l’amministrazione comunale targata Bova sforna iniziative a sostegno dei progetti Unicef. Tra questi “Io come tu”, la  realizzazione delle pigotte, la cittadinanza onoraria ai bambini figli di cittadini stranieri che vivono in Italia e la raccolta fondi per i bambini delle Filippine.

 Amaroni, la “Cittadina del miele” amica dell’infanzia. 

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.