Stampa Stampa
25

ALLE RADICI DI UNA NAZIONE: LA “TOTA ITALIA” DELL’IMPERATORE AUGUSTO PENSANDO ALLA “PRIMA ITALIA” DI RE ITALO


Mostra alle Scuderie del Quirinale occasione per rilanciare idea Università Generazioni Badolato 

di Domenico LANCIANO 

PRESERRE (CZ) –  17 MAGGIO 2021 – Nell’anno 2021 in cui si celebrano il 160° anniversario dell’Unità d’Italia (17 marzo 1861), il 150° dalla proclamazione di Roma Capitale(03 febbraio 1871) e il 75° dalla nascita della Repubblica (02 giugno 1946), il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inteso ospitare alle Scuderie del Quirinale una mostra assai significativa per l’unità del popolo italiano: “Tota Italia, alle radici di una nazione”.

Si tratta dell’esposizione di ben 450 reperti archeologici che documentano ed illustrano personaggi e tipologie, usi e costumi delle varie popolazioni che oltre 20 secoli fa caratterizzavano l’attuale territorio italiano.

La dizione di “Tota Italia” è riferita ad una frase di Ottaviano Augusto (63 a.C. – 14 d.C.), l’imperatore romano che per primo riuscì ad unificare sotto il dominio di Roma “tutta l’Italia”, appunto, dalla Calabria alle Alpi, prefigurando così quell’unità nazionale che si sarebbe concretizzata però in modo più completo con Roma capitale, soltanto dopo 19 secoli di vicissitudini, nel1871, dieci anni dopo la proclamazione dell’unità d’Italia.

Domenico Lanciano, fondatore dell’associazione culturale “Calabria Prima Italia” di Badolato (CZ), a tale proposito intende mostrare la sua soddisfazione: «Per noi calabresi questa mostra “Tota Italia, alle radici di una nazione” rappresenta l’apoteosi del nome Italia che, nato 3500 anni fa circa nell’istmo di Catanzaro tra i golfi di Squillace e Lamezia assieme alla prima Italia politica di re Italo, è stato esteso proprio dall’imperatore Ottaviano Augusto a tutte le regioni della nostra penisola nella sua riforma amministrativa nel primo secolo a.C.».

Ed evidenzia: «Perché proprio un imperatore romano ha esteso a “tutta l’Italia” un nome proveniente da una terra assai periferica e recentemente soggiogata come la Calabria Prima Italia, quando invece poteva scegliere un nome riferito alla super-potenza imperiale di Roma?… Infatti la nostra penisola avrebbe potuto denominarsi Romania oppure Lazio o Augustea o altro nome celebrativo della romanità!

Invece, l’Impero romano, nonostante dominasse quasi tutto il mondo allora conosciuto, ha voluto onorare la “Prima Italia” per la sua alta civiltà che è stata poi assorbita dalla stessa Roma imperiale aumentandone il prestigio! Pure per tale motivo alcuni storici considerano la Calabria come “Madre di Roma e d’Italia”!>>.

E conclude: << L’auspicio è che il prossimo Presidente della Repubblica (che sarà eletto nel primo trimestre del 2022) voglia ospitare al palazzo del Quirinale un grande evento (mostra o altra celebrazione) sulla “Prima Italia” che rappresenta la più vera e protostorica origine della nostra nazione, sia come nome che come nascita della democrazia con la legislazione sissiziale di re Italo proprio su suolo calabrese, quasi 35 secoli fa!

L’auspicio è che pure altre istituzioni, come la Regione Calabria, vogliano celebrare la “Calabria Prima Italia” per farne una grande risorsa socio-economica-culturale di rilancio anche nazionale e anche per dare ai cittadini, specialmente a quelli emigrati all’estero, l’orgoglio di una nascita gloriosa della propria nazione con un nome e con le leggi tra le più antiche, avanzate e importanti del mondo!”

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.