Stampa Stampa
8

AGRITURISMI, TAMBURI: «DALL’APERTURA SEGNALI INCORAGGIANTI»


La presidente di Terranostra: “Ottimo per la ripresa e per l’intero indotto anche se il ristoro è minimo rispetto al danno subito”

di REDAZIONE

PRESERRE (CZ) –  7 FEBBRAIO 2021 –  La pandemia che ha caratterizzato un intero anno, afferma la presidente di Terranostra Calabria Adriana Tamburi,  ha colpito anche l’agriturismo che ha subito uno stop che ha arrecato notevoli danni economici sia direttamente alle aziende  che all’indotto.

Ciò nonostante,  – continua – gli ultimi giorni sono stati caratterizzati dall’arrivo della tanto attesa notizia: finalmente – annota con soddisfazione – possiamo riprendere le nostre attività alle quali abbiamo dedicato sempre ed instancabilmente tutte le nostre forze. C’è adesso sicuramente molto da lavorare sulla promozione per riuscire a far fronte all’ingente perdita che l’emergenza sanitaria ha causato, ma indubbiamente è un segnale di speranza, di voglia di ripartenza, per riappropriarsi dei propri spazi e di una vita normale.

Nel rispetto di tutte le norme volte al contenimento del contagio Covid- 19, siamo felici di riaprire le porte delle nostre strutture agli ospiti che avranno voglia di ritrovare la normalità che il 2020 ha sospeso inevitabilmente lasciando il posto alla paura. In Calabria  – ricorda -possiamo  contare su oltre 400 strutture agrituristiche  operanti con 12200 posti a tavola e circa 1500 posti letto.

In questi giorni soddisfacenti sono le richieste di soggiorno che stanno pervenendo presso le nostre strutture e questo è il segnale evidente ed inequivocabile che anche il timore di muoversi, di stare in compagnia e di trascorrere delle belle giornate fuori casa si sia affievolito notevolmente.

Nel nostro lavoro  – rivendica Tamburi -siamo scrupolosi e perciò consapevoli che il rispetto della vigente normativa anti Covid  richiede a noi operatori del turismo rurale un necessario ed ulteriore investimento nonché un cambiamento nel modo di svolgere il nostro amato lavoro, ma siamo altrettanto certi che la voglia di ricominciare agevolerà ogni altro sacrificio che ci verrà richiesto e pertanto aspettiamo i turisti nelle nostre strutture, provviste di spazi che garantiscono il massimo della sicurezza.

Quello che ci contraddistingue da sempre è la nostra determinazione, il nostro coraggio e la voglia di far conoscere il territorio e le nostre tradizioni; sono sicura  – ribadisce la presidente di Terranostra Calabria – che queste nostre peculiarità non sono andate perse neppure in un momento così travagliato come quello che abbiamo vissuto”.

La Coldiretti Calabria  esprime tra l’altro apprezzamento per l’iniziativa della Regione Calabria, che, ampliando  la platea dei beneficiari del bando “Riapri Calabria Bis”, con scadenza il 18 febbbraio prossimo ha ricompreso anche gli agriturismi con codice ateco 56.10.12 e cioè che svolgono attività di ristorazione connesse alle aziende agricole, anche se  – annota in conclusione   – il ristoro è minimo rispetto al danno subito”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.