Stampa Stampa
25

A SATRIANO IL MIELE DELLA SOLIDARIETÀ


Raccolta fondi da destinare ai progetti Aifo in tutto il mondo  

Articolo e foto di Gianni ROMANO

SATRIANO (CZ) –  5 FEBBRAIO 2019 –   Come ormai dal 2012 l’AIFO (Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau), celebra nell’ultima domenica il di Gennaio la GML  (quest’anno il 27) – Giornata mondiale dei malati di lebbra – mediante la distribuzione del miele della solidarietà, da parte degli aderenti all’associazione, davanti alle parrocchie del  comprensorio,per la raccolta fondi da destinare ai progetti Aifo in tutto il mondo. 

I gruppi aderenti ed ufficialmente riconosciuti dalla sede centrale di Bologna sono quelli di Satriano Marina  e di Gasperina, tanti altri sono i volontari a livello regionale, che se anche non strutturati in gruppi, effettuano la Gml, quali ad esempio quelli di Polistena, Curinga, Lamezia, Terranova di Sibari ed altri.

Le Parrocchie del comprensorio interessate quest’anno sono quelle di Satriano Marina e Centro, Davoli  Marina, Montepaone Marina e Centro, Petrizzi,  Gasperina,  Montauro,  Borgia, Squillace e la Cappella  dell’ospedale di Soverato.

 La distribuzione del miele e degli altri prodotti messi a disposizione dall’Aifo, sono  stati diluiti tra le ultime domeniche di Gennaio e di Febbraio per motivi logistici. Come negli altri anni Il Presidente della Repubblica ha dato il suo Alto Patrocinio all’iniziativa e la  Associazione Italiana Calciatori ed Allenatori  ha fatto altrettanto donando li suo appoggio.

L’Aifo è un’Organizzazione non Governativa (ONG)          impegnata nel  campo della Cooperazione Socio- Sanitaria Internazionale     , riconosciuta idonea a realizzare progetti nei paesi in via di sviluppo, dall’Unione  Europea e dal Ministero degli Affari Esteri. Collabora attivamente con alcune agenzie delle Nazioni Unite, in  particolar modo con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di cui è l’unica ONG italiana partner  ufficiale. 

L’hanseniasi, o lebbra, colpisce ogni giorno nel mondo circa 1000 persone. Per vincere la lebbra l’AIFO  realizza piani di prevenzione e ricerca dei casi nascosti, attua programmi di cura, riabilitazione fisica e  reinserimento sociale per gli ex malati, all’interno della comunità (Sviluppo inclusivo su base comunitaria),  forma il personale locale; promuove campagne d’informazione e sensibilizzazione in tutto il mondo. Oggi la lebbra può essere curata.

A partire dall’inizio del trattamento, la persona non è più contagiosa e il  suo isolamento non è più necessario. Se non affrontata adeguatamente o per tempo la malattia provoca  gravi disabilità. 

Nel 2017 sono stati diagnosticati 210.671 nuovi casi, di cui il 39,23% donne. Il paese più colpito al mondo è l’India con 124.164 nuovi casi registrati nel 2017; anche se la stima non è  esatta, vivono quasi due milioni di persone affette dal morbo di Hansen.

L’Aifo, l’associazione che opera nel nome di Raoul Follereau, continua a combatterla ed invita a non  abbassare la guardia. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.