Stampa Stampa
11

118 E REMSI A GIRIFALCO, PITARO: «LAVORI ULTIMATI MA MANCA PERSONALE»


Il consigliere regionale del Gruppo Misto: “È l’ennesimo e drammatico paradosso  emerso nel corso della discussione in commissione Sanità”

di REDAZIONE 

GIRIFALCO (CZ) – 22 APRILE 2021 – «Circa l’avvio dell’attività funzionale della “Rems” di Girifalco, i cui lavori ultimati dopo cinque anni per una cifra di 6 milioni di euro, si apprende, difficile a credersi ma è così, che mancano i fondi per assumere il personale (sanitario e non)».

Lo afferma il consigliere regionale Francesco Pitaro.

Che aggiunge: «È l’ennesimo e drammatico paradosso  emerso nel corso della discussione in commissione Sanità – svoltasi nella giornata di ieri in Consiglio regionale – a cui hanno partecipato l’Asp, il Garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, avv. Agostino Siviglia, il Sindaco di Girifalco Pietrantonio Cristofaro e il vicesindaco Alessia Burdino».

 Su richiesta di Pitaro, «di fronte a una situazione assurda quanto grave, che lede i diritti di tante persone in lista d’attesa che, al momento, pur dichiarate incapaci di intendere e di volere, sono costrette a rimanere in carcere poiché mancano i posti disponibili nelle strutture regionali che dovrebbero ospitarle», la Commissione presieduta da Baldo Esposito inoltrerà al Commissario ad acta Longo e al Dipartimento Salute della Regione un’istanza «per risolvere tempestivamente il problema e avviare tutte le procedure necessarie a mettere in funzione la Struttura sanitaria di Girifalco che ospiterà gli autori di reati affetti da disturbi mentali e socialmente pericolosi».

Nel corso della seduta della Terza commissione – aggiunge Pitaro – si è anche discusso (con il sindaco di Girifalco Pietrantonio Cristofaro e il consigliere comunale Mario Deonofrio, il sindaco di Amaroni Luigi Ruggiero, il sindaco di Vallefiorita Salvatore Megna e il sindaco di Maida Salvatore Paone)«dell’ingiusta e penalizzante rimodulazione delle postazioni 118 in diverse aree della provincia catanzarese – in particolar modo quelle di Maida e Girifalco che sono state modificate in peius – notificata senza prima aver avviato un proficuo confronto con i sindaci né aver preso atto delle comprensibili rimostranze dei territori.

Per poter garantire lo svolgimento delle primarie prestazioni di emergenza-urgenza e scongiurare disastrose ripercussioni sulla salute dei cittadini – precisa il consigliere regionale –, i dirigenti dell’Asp presenti in aula hanno assicurato di sottoporre l’esito della riunione ai commissari dell’Asp al fine di valutare gli interventi necessari per rispondere alle esigenze sanitarie del territorio».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.